Berlino, personalissima weltanshauung!

Stavo preparando questo viaggio con enorme entusiasmo, fin quando non misero il gesso al piede di Andrea!

Allora presi la Lonely Planet e l’appesi al chiodo, tra le guide già usate, nell’apposito ripiano delle LP, in soggiorno.

Non preparai nulla sta volta, nessun giro pianificato, nessun libro a tema letto. Riuscii solo a fare un ripasso storico in generale, prima di accantonare l’idea di partire.

Poi, quando capii che forse Andrea poteva rimanere qualche giorno a casa senza di me, cominciai a cercare un compagno di avventura a cui regalare un viaggio a Berlino… Non lo trovai e il volo era già pagato, così come l’appartamento!

Così, un giorno prima della partenza, con sommo coraggio di Andrea e quella giusta dose di follia che ci caratterizza, prendemmo un unico trolley dall’armadio a muro -solo io potevo trascinare un bagaglio!-, uno zaino e… Il bagaglio a mano fu bello e pronto in men che non si dica!

Due stampelle e… Da lì Berlino!

Il posto dove veramente tutto può succedere! Dove ogni personalità tu abbia, la puoi esprimere, puoi essere te stesso, chiunque tu sia! Dove è tutto così in ordine, che ti sembra di non dover fare mai fatica! Mi sono sentita così a mio agio! Sembra il centro del mondo, molto più che Europa!

È giovane, è dinamica. È pulita, accogliente, comoda, colorata! La gente è gentile e garbata, educata, integrata, da dovunque arrivi. Anche i suoni duri delle parole sembrano dolci quando senti due berlinesi scambiarsi sorridenti le impressioni di fine giornata, davanti a una birra, al tavolo di un bistrot o sul prato di uno dei tanti parchi.

Le Istituzioni sembrano così vicine ai cittadini! I palazzi importanti sono così accessibili e vicini! È una bella sensazione!

Si percepisce come una città in forte movimento, con i suoi infiniti cantieri. Come una città forte che ha saputo, da rasa al suolo come era, riergersi e stupire, oltre che affascinare!

Mi ha rubato il cuore Berlino, l’ho sentita così tanto il mio posto, che andarmene mi ha lasciato un buco alla pancia e ne sento già la nostalgia…

Io ci vivrei bene, ci vivrei comoda! Penso che potrei essere veramente gratificata a Berlino!

Sono ancora sul volo di ritorno, ma è una promessa: vengo a trovarti ancora!

Leave a Reply