Di matrimoni, tuffi maldestri, spiagge e ortopedie.

Mentre Wanda rotola verso sud, alla volta della dolcissima salernoreggiocalabria, mentre mi viene complicato digerire di lasciare la splendida Puglia, proseguo la mia route estiva e rivivo i flashback di 8 meravigliosi e intensissimi giorni fin qui…

La Puglia che ti piglia!

Il BrillyWeddy è stato un bel pretesto, il punto focale su cui costruire le vacanze, un evento che “ti cambia la vita“, come lo ha definito Andre!
È stato una figata pazzesca! È stata una rimpatriata, una festa e un’emozione!
È stato un’abbuffata e un abbraccio; lacrime e risate a crepapelle!
Endorfine e sfinimento, ballare da consumare i tacchi e i talloni!
Tuffi in mare e al cuore, scivoli d’acqua e “si, lo voglio” mozzafiato!

Sono davvero pochi i matrimoni, dopo il nostro, dove ci siamo divertiti, ci siamo sentiti intrecciati agli aposi e alle loro famiglie, quelli dove si è gruppo, nella salute e nella malattia!

Il BrillyWeddy è stato uno di quelli!

Incastonato nella Puglia che più bella, più calda, più gentile e profumata non si può!
Io non me la ricordavo così la “Pugliad’a-mare“!
È tanta, è calorosa, è una mamma, è umile nella sua grandezza!
È gentile a tavola, per strada e financo al pronto soccorso!

È come Marilisa e Francesco: sorride e ti vuol bene!

Io per loro vorrei questo: una vita intera di “cosa posso fare per farti felice anche oggi?” e sono sicura che a due come loro non verrà difficile svegliarsi, guardarsi negli occhi del colore di questo mare che mi scorre alla sinistra su questa deliziosa litoranea e chiederselo…

[Noi vi continueremo a ballare intorno, chi su un piede, chi su due, come la sera del vostro amore, è una promessa!]

IMG_20170710_135752_841

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *