Credo che non avrò moltre altre occasioni per respirare quell’aria lì dentro…
Me lo auguro anche.
Volevo esserci… Per testimoniare il mio dissenso, nonostante non lo conoscessi, qualunque sia la ragione del suo massacro, al di là del suo fare politica agli antipodi del mio pensarla.
Nessuna sua ‘strategia’, nemmeno la meno ortodossa, potrebbe giustificare una tale barbarie, nessuna.
Non ho mai sentito tanto silenzio in tribunale.
Il bianco marmoreo di quelle architetture emanava più freddo del solito.

Lutto. Enzo Fragalà non s’è saputo ‘difendere’…

Lutto.
Per un uomo che è morto,
per una Cittá che muore con lui.
Per la civiltà morta di una Città dove sono spesso i giusti a pagare per gl’ingiusti.
Prima di tutto, l’uomo.
Per un professionista, un ‘collega’.
Lutto anche per quel vigliacco di un aggressore. Sono a lutto anche per lui. Che uomo è se non un uomo dal cuore morto? Provo pena e dolore anche per questo.

‘SCIOPPING’! :P

Adoro il marrone!
Penso che mi stia proprio bene! [Che modestia! Ma no! E’ sincerità! Per esempio, penso che il nero mi stia malissimo e lo dico pure! Anche il verde mi sta bene, il prugna, il rosso, il blu così, così, mi fa troppo scolaretta!]
Ho preso un paio di pantaloni marroni poco fa, li ho già messi! Ci uscirò sta sera!
Una delle mie manie è mettere subito quello che compro, sia un vestito, un paio di scarpe, una cintura…
[A proposito, non v’ho raccontato che venerdì scorso ho preso un paio di scarpe fantastiche!]

Ho comperato anche un’altra cosa…
Ma facciamo che è un segreto… Vi dico solo che è bella e che mi servirà per un giorno importante
E facciamo pure che ci mettiamo un paio di parentesi tonde!!

Buona serata!

PS non vi ho ancora raccontato neppure del pranzo di ieri… Ma ve ne parlo, ve ne parlo! 😉

Google, internet e libertà.

Ci troviamo di fronte a un dilemma antico: ‘poiché libertà di pensiero può trasformarsi in uno strumento aggressivo, la limitiamo’.
Stefano Rodotà, ex garante per la privacy.

‘Il principio fondamentale della libertà di internet è vitale per le democrazie che riconoscono il valore della libertà di espressione e viene tutelato da quanti hanno a cuore tale valore’.
David Thorne, ambasciatore americano a Roma

Internet libero è un diritto umano inalienabile che va tutelato nelle società libere. In tutte le nazioni è necessario prestare grande attenzione agli abusi; tuttavia, eventuale materiale offensivo non deve diventare una scusa per violare questo diritto fondamentale’.
Hillary Clinton, Segretario di Stato.

‘Pur riconoscendo la natura biasimevole del materiale, non siamo d’accordo sul fatto che la responsabilità preventiva dei contenuti caricati dagli utenti ricada sugli internet service provider’.
David Thorne, ambasciatore americano a Roma.

‘La tutela della persona umana deve prevalere sulla logica di impresa’.
Procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e pm Francesco Cajani.

Sono ansiosa di leggere la motivazione della sentenza che condanna tre dirigenti Google per violazione della legge sulla privacy, sono ansiosa di scoprire a quale categoria giuridica è stata ricondotta, per analogia, la fattispecie, sono ansiosa di vedere la nostra nazione ratificare un ‘Internet Bill of Rights‘…
Significherà ulteriore civiltà per la nostra nazione!
Non vorrei che la logica del giudizio sia stata quella ‘d’impresa’ [cioè, Google ha fatto soldi con quel video, Google ne era per ciò stesso responsabile e doveva vigilare sul contenuto] punto e basta, magari frutto di una valutazione un pò ‘attempata‘…

‘Condannando i dirigenti di Google non abbiamo eliminato problema: se c’è una febbre sociale non la eliminiamo rompendo il termometro. Queste manifestazioni orribili ci segnalano un virus nella società che richiede adeguata attenzione e non si risolve solo con gli interventi della magistratura’.
Stefano Rodotà.

Vado al massimo, vado a gonfie vele!

Se non fosse per un pò di cervicale che mi sta dando noia…

Vado al massimo!
[Mica a teatro! :P]

Saltello come una molla! 😀

…E’ tutto così bello che forse farei meglio ad aver paura che gli dei si prendano d’invidia e mi scatenino la loro ira contro! 😉

PS Jo-Joy è una pallottola profumata! …Da prendere a morsi! 😉

Occhi

Ciascuno vede a suo modo…
Gli occhi di una mamma, di un fidanzato, di un ipotetico ‘burlone’ palermitano.
Mia mamma s’accorge che sono un pò pallida -distrutta da una giornata ‘fullissima’- e subito mi chiede ‘che hai Robi, stai male?’
E mentre la mamma premurosa si preoccupa e il palermitano medio m’avrebbe chiesto altro… [è noto infatti, che a Palermo, se sei pallido -meglio GIARNO!- ci può essere solo una spiegazione al tuo pallore!!] il mio fidanzato trova le più belle parole d’amore… ‘sei una perla’, mi dice… <3 Lui che ha gli occhi per vedermi bella sempre, anche quando sono più oscena e improponibile del solito, stanca e con le occhiaie fino alle ginocchia! Una perla! :)

‘Se la guerra è civile’…

[Schifata della immagine di una nazione maltrattata e inadeguata riflessa nello ‘specchio’ Sanremo.
Non dirò altro a proposito, sarebbe solo dargli uno spazio che non merita.]

Leggi queste righe ascoltando questa poesia, il video l’ho fatto al concerto di Jova…

Vorrei fare un salto allo Zetalab più tardi…
Letizia Battaglia c’ ha allestito una mostra fotografica ‘solidale‘ [‘Lo Zetalab è e deve continuare ad essere un luogo di cultura e di impegno civile‘. Cit.]

‘Se la guerra è civile’, s’intitola.

Si espongono 80 stampe-documentario.
E’ la Città dal 1975 ai primi anni ’90…

1982, Falcone al funerale di Dalla Chiesa.
1982, Falcone al funerale di Dalla Chiesa.

[Photo by Letizia Battaglia]

Palermo. C’è una specie di montagnona tozza che si vede arrivando in aereo e che te la rirovi sempre lì sopra quando fai le tangenziali in macchina. Il punto dove è esplosa la bomba di Falcone ha l’asfalto nuovo. Due città, due genti, due secondi bastano per capirsi, il retaggio di secoli di costumi si rigenera nel frutto di un raccolto ricco e saporito. E può essere la vera capitale d’Italia. Palermo ha il colore del deserto, il miraggio di un nuovo coraggio finisce per farmi sentire a casa per le strade di questa città.
[I colori delle città, Cherubini. Jovanotti]

In nome di Dio, vaffanculo ai mafiosi!
[Cuore, Jovanotti]