Sugo fresco…

La coda dell’estate reca in sè il sugo fresco!

C’è il pomodoro più dolce in questi giorni e il basilico è rigoglioso nei nostri vasetti di terracotta, scelti giusto per far respirare al meglio le piantine!

Da bambini, in campagna, eravamo gli addetti a ‘spiricuddàre‘… che sarebbe togliere il peduncolo nei pomodori rossi e succosi, un pò morbidi, ma sempre sodi.
C’era una vera e propria catena umana di montaggio, da chi si occupava di lavarli i pomodori a chi di tappare le bottiglie già riempite… Uno squadrone!
Ci divertivamo un sacco!

Sporchi di rosso sulle cosce e sulle guance!

Ricordo perfettamente il profumo della legna che ardeva sotto alle quaràre, le grosse pentole di alluminio dove si cucinavano i cocci di pomodoro… Che spettacolo!

E il profumo del sugo poi… Sta mattina l’ho sentito ancora! Nella nostra cucina però! Ne ho fatto qualche litro di conserva, è stato un tuffo nel mio personalissimo back-up!

(VOGLIO FARE UN SALTO IN SICILA CAVOLO, MI MANCA!)

Opere d’arte

Ieri, stavo stirando una camicia di Andrea, quando ho pensato a mia madre, a come le stira lei le camicie… opere d’arte!

Non partirò col solito pippone che non mi piace stirare, che non stiro nulla, che stendo i panni in maniera geometricamente perfetta e dopo aver creato un apposito diagramma per arrivare all’apice dell’impresa e bla e bla…

Niente di tutto ciò!

Pensavo solo a mia madre e a come tutto quello che faccia sia un’opera d’arte!
Precisa, puntuale, perfetta.

Pensavo… mi piacerebbe che un giorno mio figlio pensasse a me e, nonostante tutti gli sbattimenti genitoriali connessi al soggetto e all’oggetto del pensiero, pensasse che faccio opere d’arte!

Forse è una presunzione bella e buona, ma mi piace coltivare questo auspicio!

Quando istituiamo le nostre tradizioni, di una famiglia giovane che non fa che ereditare quelle delle famiglie di origine, quando ce la metto tutta per imparare bene a fare le cose che facevano le donne, le mamme d’altri tempi, quando impasto il pane, la pizza, faccio una crostata… dopo esser tornata da ufficio, a differenza delle mamme d’un tempo che spesso erano solo mamme e basta, mi piace pensare che mio figlio lo apprezzerà… quando ci sarà!

Mi piace pensare che presto (e per presto intendiamo un lasso temporale non ben definito!!) ci sarà!

E dai che non è ancora finita…

Ho ancora una settimana di ferie e c’è la festa di saluto all’estate da organizzare…
(E per questo sto aspettando che torni mia sorella Eleonora dalla Siculandia! …E anche per goderci l’ultima settimana di ferie insieme!)

Fino a quel momento la summer2013 non è ancora finita, caro blog!

…E’ pur vero che, torno dal campeggio di ferragosto e sto già pensando a organizzare i prossimi tre viaggetti, ma non è ancora finita!
No che non lo è!

Però, tirando le somme… che figata d’estate ‘sto 2013!

Senza pensieri! Ce la stiamo godendo sul serio! E’ stato bello guadagnare un pezzetto di serenità estate dopo estate, mi lascia un gusto dolce in bocca questa estate!

Sono carica apppalla!

INVERNO NUN TE TEMO!! 😀

 

Desiderio d’autunno!

Mi succede sempre, caro blog…

Sto aspettando la notte di San Lorenzo, eppure mi viene voglia d’autunno, di capelli sciolti sulle spalle e tocco soffice di guancia sulla sciarpona di lana!

Sono fatta così! Mi capita ogni anno… Che poi, quando arriva il momento delle galoches, comincio a imprecare e a desiderare le macchie di sale sulla pelle per un bagno asciugato di fretta sotto al sole!

Aaaahhh! (Se solo potessi riprodurre il rumore di un sospiro!)

5 di agosto, agosto di un’estate davvero bella, caro blog! Quante cose stiamo facendo! Quanti concerti! E che belle vacanze! (Che per altro, non sono ancora finite perchè c’ho ancora due settimane di ferie! *_*)

Questa estate, sul pontile di un’isola greca, mi ha insegnato che la mia autonomia di riflessione non può superare le 17/18 ore…
I ragionamenti lunghi, i progetti troppo ampi… ho imparato che non mi piacciono poi molto!
Mi piace avere il mio progetto conduttore, quello lungo di una vita, dove dentro ci ficco tutti i desideri e lo lascio lì, sospeso e a cui mirare, senza troppa fatica!
…E poi c’è quello che faccio ogni giorno, per il gusto di quel giorno, punto e basta!

Funziona!

E’ divertente! E’ rilassante!

Non credo che tutto sia scritto nelle stelle, anzi, non credo e basta!
(Ed è liberatorio!)
Io credo che ogni giorno abbiamo la possibilità di scegliere una giornata e mi piace, alla fine di quella, andare a letto contenta…per quello che è stata! Per quello che ho scelto che fosse!
Che senso ha andare a letto crucciandosi per quello che sarà la prossima giornata e poi la prossima ancora e ancora un’altra…?

Io cerco di essere felice ogni giorno, caro blog! Frattanto che ho la possibilità di indirizzare gl’eventi, di sceglierli!

(ESTICAZZI a tutto il resto! 😉 …Non lo sai che quando sorridi… http://www.youtube.com/watch?v=8QEEwFe3jD0)