E io ti vedo in tutto quello che c’è…

Sono passata dalla chiesetta qui sotto questa mattina…

C’è anche un gruppo scout (per la verità ce n’è più d’uno nel quartiere… Ed ecco che le ‘dimensioni’ romane ritornano!), aspetto solo di assestarmi un pò… E poi sarà fatto anche questo! 😉

Dove c’è scout, c’è casa! :)

Al ritorno dalle vacanze chiederemo al don di benedire BucoCasa…

Da soli non ce l’avremmo mai fatta! 😀

‘E io lo so che tu da qualche parte ti riveli, Che non sei solamente chiuso dietro ai cieli e nelle rappresentazioni umane di te, a volte io ti vedo in tutto quello che c’è…’

[Questa è la mia casa, Jovanotti]

Tutto in te…

Perchè non lo facevo anche quand’ero all’università??

Ho finito un manuale di Diritto Amministrativo in due giorni!

Bè, è vero che di fatto risulta essere un ‘ripasso’, avendola già studiata proprio all’università la materia, è vero anche che amministrativo è ‘roba mia’! La mia specialità! Ed è altrettanto vero che leggere un libro dopo aver abitualmente lavorato al Tar e scritto atti amministrativi, è tutta un’altra storia!
Praticamente alle udienze ho acquisito, in questi mesi, tutto quello che teoricamente c’avevo messo ore ed ore di studio ad imparare… E per giunta in astratto! Come un dogma! Dato per buono, punto!

Mi chiedo, perchè non si fa pratica all’università?
Un tirocinio… Sarebbe molto, molto più utile financo di alcune lezioni!

Questo è un altro dei miei misteri personali irrisolti!
Non lo capirò mai perchè no!

Più tardi giocherà l’Italia!
E io sono pronta!
Loro?
Che ‘mi‘ facciano due reti così, tàttà, questi ragazzi, ch’io c’ho fretta di finire il manuale di Diritto Commerciale in altri due giorni! 😉
[Eh no! Ora non fare la sborona, Roberta! Che commerciale non è la tua specialità! ;)]

Ieri sera mi sono molto emozionata…
C’è stata la veglia (in stile simil scout!) per Frà Peppino!
Lunedì verrà ordinato sacerdote e a me sembra ieri quando eravamo in reparto insieme!
Se ci pensate, è una meraviglia: è successo a noi! Al nostro quartiere, alla nostra parrocchia, ad un ragazzo con cui ho giocato quand’eravamo più piccoli!
Non è proprio una roba difussissima una vocazione!
Mi sento quasi un’ ‘eletta’ e mi mette allegria, gioia!

‘O Signore, nulla senza di Te, ma tutto in Te’

Questo era il titolo della veglia e il mio augurio per Peppino è  che ogni cosa gli parli di Lui, che la sua vita sia in Lui, ogni giorno, con la stessa gioia nel cuore…

La passione che fa crescere un progetto… [mi scoppia il cuore!]

Io lo so che non sono solo, anche quando sono solo
La sua mano era piccina, ma afferrava il mondo intero
Ora la città è un film straniero senza sottotitoli
Le scale da salire sono scivoli
Di stare con le antenne alzate verso il cielo
E rido e piango
Una pentola che cuoce pezzi di dialoghi
Chi ci crede
Tutto è intorno a te
Un mondo vecchio che sta insieme solo grazie a quelli che hanno ancora il coraggio di innamorarsi
Voglia di svegliarsi e di alzarsi
Il battito di un cuore dentro al petto
La passione che fa crescere un progetto…

[Fango, Jova]

Il giorno di dolore che uno ha…

Sono triste
e non mi succedeva da un sacco…

Poco fa anche il pc è impazzito ed ha aperto una canzone per caso… Non lo so come è potuto accadere!

Quando farsi una ragione vorrà dire vivere…

Io non lo so che mi prende! Davvero! Sta sera sono a pezzi!

Ho mandato un sms ai miei amici e ho scritto
‘Ti voglio bene e non voglio mai più perdere una sola occasione per dirtelo’

Quando il cuore senza un pezzo il suo ritmo prenderà…

Ma che senso ha?
Ho vergogna a chiedermelo!

Mi sento un’idiota!

Al ritorno da casa di Manu c’era solo un silenzio di tomba in macchina…
Non parlavamo! Non ci siamo riusciti!

Io pensavo a Fra che ci raccontava che la donna della sua vita l’aveva incontrata e che se anche era dispiaciuto di non poterla più riabbracciare, era felice di averla incontrata!

Io pensavo che lui aveva appena detto che questo disegno non era stato beffardo perchè è un disegno che lui presto capirà…

Io pensavo alla sua fede, alla forza di una preghiera, a Manu che ad appena 30 anni non c’è più…Che avrebbero dovuto vivere felici e insieme, che adesso doveva essere l’esplosione della vita e non della morte!

Io provo sconforto!

Non voglio più perdere una briciola del mio tempo!

Fra ci raccontava che Manu era contenta perchè tutto questo sarebbe servito a qualcosa, almeno a qualcuno…
Si che servirà!
A me, almeno a me!
Manu, ti piaccia sapere che a me il tuo sacrificio è servito!

Sarà una ‘verifica’ per molti…
Per noi che siamo scout e conosciamo bene il senso della parola ‘verifica’, per chiunque sappia o voglia imparare a verificarsi… A staccare la spina, guardarsi dentro e tirare le somme.

Non riesco a smettere di piangere!

Ho perso le parole…

Ieri sera stavo scrivendo di quanto è stato bello questo fine settimana, di quanto ci siamo divertiti in gita fuori porta, di tutte le sciocchezze allegre che abbiam fatto…
Poi mi accorgo di una cosa tristissima e comincio a sperare di aver capito male…

Ho perso le parole.

Purtroppo ho capito proprio bene e presto un’amica mi ha dato conferma, non ero nell’errore.

Come si digerisce la malattia di una giovane donna?
E la sua morte?

Io ‘mi fido di te‘…
Ma come starà oggi Francesco? Non riesco a smettere di pensarci!

Buona Pasqua!

Collage di Picnik

Il Signore disse a Mosè: “Perché gridi verso di me? Ordina agli Israeliti di riprendere il cammino. Tu intanto alza il bastone, stendi la mano sul mare e dividilo, perché gli Israeliti entrino nel mare all’asciutto. Ecco io rendo ostinato il cuore degli Egiziani, cosi che entrino dietro di loro e io dimostri la mia gloria sul faraone e tutto il suo esercito, sui suoi carri e sui suoi cavalieri. “Gli Egiziani sapranno che io sono il Signore, quando dimostrerò la mia gloria contro il faraone, i suoi carri e i suoi cavalieri”.
L’angelo di Dio, che precedeva l’accampamento d’Israele, cambiò posto e passò indietro. Anche la colonna di nube si mosse e dal davanti passò indietro. Venne cosi a trovarsi tra l’accampamento degli Egiziani e quello d’Israele. Ora la nube era tenebrosa per gli uni, mentre per gli altri illuminava la notte; così gli uni non poterono avvicinarsi agli altri durante tutta la notte. Allora Mosè stese la mano sul mare. E il Signore durante tutta la notte, risospinse il mare con un forte vento d’oriente, rendendolo asciutto; le acque si divisero. Gli Israeliti entrarono nel mare sull’asciutto, mentre le acque erano per loro una muraglia a destra e a sinistra. Gli Egiziani li inseguirono con tutti i cavalli del faraone, i suoi carri e i suoi cavalieri, entrando dietro di loro in mezzo al mare. Ma alla veglia del mattino il Signore dalla colonna di fuoco e di nube gettò uno sguardo sul campo degli Egiziani e lo mise in rotta. Frenò le ruote dei loro carri, così che a stento riuscivano a spingerle. Allora gli Egiziani dissero: “Fuggiamo di fronte a Israele, perché il Signore combatte per loro contro gli Egiziani!”. Il Signore disse a Mosè: “Stendi la mano sul mare: le acque si riversino sugli Egiziani, sui loro carri e i loro cavalieri”. Mosè stese la mano sul mare e il mare, sul far del mattino, tornò al suo livello consueto, mentre gli Egiziani, fuggendo, gli si dirigevano contro. Il Signore li travolse così in mezzo al mare. Le acque ritornarono e sommersero i carri e i cavalieri di tutto l’esercito del faraone, che erano entrati nel mare dietro a Israele: non ne scampò neppure uno. Invece gli Israeliti avevano camminato sull’asciutto in mezzo al mare, mentre le acque erano per loro una muraglia a destra e a sinistra. In quel giorno il Signore salvò Israele dalla mano degli Egiziani e Israele vide gli Egiziani morti sulla riva del mare; Israele vide la mano potente con la quale il Signore aveva agito contro l’Egitto e il popolo temette il Signore e credette in lui e nel suo servo Mosè.

Esodo 14,15 – 15,1.

Cena ebraica…

Penso all’incenso delle celebrazioni varie e già ‘mi manca l’aria‘!
Spero di reggerlo più tardi, io che giusto ieri ho avuto una reazione allergica e al ritorno dalla lavanda dei piedi, ho dovuto fare una puntura di Bentelan [che i miei adorati pazienti chiamano BETLEMME!].
Adesso sto bene, sembravo solo la ‘pimpa’ a pois rossi ed avevo viso, mani e braccia un pò gonfi!
Ma ora è passato!
Ho dovuto ‘affrontare‘ un ago, ma sto bene! 😉

Per questa ragione [ed anche perchè lavorando tutto il giorno abbiam partecipato alla messa della sera] ieri non ho potuto organizzare la cena ebraica… in stile scout, anche se in famiglia!
[La mia famiglia merita d’essere scout ad honorem!]
Vorrei preparare qualcosa nello stesso stile per sta sera…
Vedrò di mettere in forno degli azzimi, di cucinare della verdura amara, di preparare qualche preghiera e qualche canto…

Intanto continuo a preparare le mie letture per la veglia di domani sera!

Mi fido di te…