At last…

Storie d’amore.

Di un’amica che ne accompagna un’altra al pronto soccorso.
Di un codice rosso che arriva e lascia lacrime e sgomento.
Di un giovane uomo e una giovane donna che alle prime note della loro canzone d’amore, corrono l’uno nelle braccia dell’altra a ballare.

Sono piccoli frammenti di vite, che si incontrano e si mescolano.

Ieri ho passato quasi un giorno intero all’ospedale! Io mi lamentavo della sanità siciliana, ma non è che quella capitolina sia tanto differente… Anzi!
La cosa bella è che eravamo sull’Isola Tiberina e, quasi ammollo nel Tevere, ho fatto 4 foto niente male! …Come ingannare l’attesa!
Anche perchè di attesa ne abbiamo avuta un bel pò, soprattutto dopo l’arrivo di un codice rosso… Quelle sono le cose che non vorresti vedere mai.

Il signor Giovanni era a Trastevere a fare un giro con la moglie, una signora elegante e distinta, con i capelli grigi raccolti sulle spalle, un bel cappotto di lana e due piedi piccoli per sostenere quel corpo robusto, ma aggraziato.
Passeggiavano, stavano andando a trovare un amico, mi ha raccontato lei, lui con la sua faccia simpatica, simile ad un attore, Luigi Diberti.
Ha perso conoscenza, è finito goffo sull’asfalto.
Lei era preoccupata e le batteva il cuore, non quanto non le battesse quando il medico le comunicava un’emorragia cerebrale.
Sono sposati dal ’64… hanno vissuto una vita intera insieme! E ora lei era da sola in quella panchina del pronto soccorso! Com’è buffa la vita!

E io penso a quanto sia giusta la scelta di vivere a cuor leggero, di vivere bene e di vegliare perchè non conosciamo il giorno, nè l’ora.
Non che sia facile riuscirci ogni giorno e a pieno, però è un dovere provarci!
E’ un dovere amarsi! Essere operatori di pace! Creare armonia anzicchè discordia!

E’ un dovere creare le occasioni per essere felici!

Divertirsi con poco, anche con niente! Scegliere di sposarsi ogni giorno e ogni giorno desiderarlo e adoperarsi senza badare a fatica!
Corrersi incontro ogni volta che in tv passa quello spot di Enel con la canzone del nostro amore, lasciare in asso tutto quello che si stava facendo, (anche la pipì!) corrersi incontro da qualsiasi stanza della casa uno sia (che in un bilocale non è cosa difficile!), abbracciarsi, chiudere gli occhi e iniziare a ballare…

…Perchè io ti amerò per sempre, amore mio!

 

 

La tua fede ti ha salvato!

La tua fede ti ha salvato!

Ecco!
Ed è proprio quella che ha salvato mio marito…

Lungi da me ogni riferimento biblico, ti spiattello il fattaccio, caro blog!!

Ora, che io, col mio fisicaccio tanto, la mia chioma da animalessa allo stato brado e i miei Ray Ban che sistemano le cose, sia meglio di… Iva Zanicchi, non c’è dubbio, ma vi diró di più, modestamente, in smart, a Circo Massimo, quando tutti si è incolonnati nel traffico, è ‘a piece of cake’ far buttare insistentemente l’occhio al tipo della punto evo nera di fianco… (e anche a quello del suv davanti, veramente… Vabbè…)

Scatta il verde, lui procede, io pure, io mi fermo, lui pure, dinuovo!
Eccheccacchio vai avanti che ti s’è fatto spazio e quello dietro ti clacsona tipo pazzo scatenato!

No! Resta lì.
Io, che da gran signora, tengo la destra sul volante, la sinistra tra finestrino e tempia, ricambio il sorriso, con fare piuttosto antipatico, allungo l’anulare, lo tocco all’interno col pollice e sempre sorridendo, questa volta divertita (ma sempre simpatica come una pala di ficodindia conficcata nelle gengive), faccio giochino con la FEDE
“Ah bello, levaci mano!”
Ecco cosa, telepaticamente (visto che ho pure l’alzacristalli scassato!) gli ho detto!

E’ di nuovo scattato il verde, io vado verso Terme di Caracalla, lui no! 😉

Amarsi in modo cosmico [D. Silvestri]

Qualcuno lo sa spiegare?

Non io!

(Forse Jovanotti!)

Però posso dirvi che mio marito&io potremmo essere esplicativi del concetto!

Che presunzione! Direbbero i più… E’ così, senza se e senza ma! Provare per credere!

E lo so che non sono tutte rose e fiori, che la vita in due non è solo camminare a mezz’aria, lo so bene! E’ anche camminare mezzi sotterrati a volte, ma farlo a 4 piedi! E’ questa la meraviglia!

Auguro a tutti di poterlo provare! [canzone d’amore esagerata, Jova]

Vuota il sacco, baby!

A volte è facile cadere nella banalità.

Ecco perchè, caro blog, ho lasciato cadere la penna e non ti ho più scritto assiduamente!

Ti dirò meglio.
Gli ultimi anni, lo sai, sono stati per me un’escalation continua.
Ho toccato il cielo, ho disegnato cuori, respirato felicità… Lo faccio ogni giorno, da anni ormai, ed è bellissimo!
Rischiavo però di fracassare i cosiddetti, me ne sono resa conto!
Mettici che all’inizio, nel periodo di assestamento della nuova vita, era davvero difficile trovare un pò di tempo per vomitare le mie idee, le mie avventure, raccontare delle cazzate che mi passavano per la testa, poi aggiungici che via via che la mia nuova vita si faceva preziosa, a due e intima non c’avevo proprio voglia di raccontarle al mondo alcune cose… quelle sono state, restano e saranno solo nostre!
Ed è così, blog mio, che ho allentato la mano!
Certe volte c’avevo voglia solo di scrivere sciocchezze e senza neppure una bella forma, e per quello c’è quel bidone della spazzatura di fèisbuk, che continuo a detestare, ma mi tiene in contatto con un sacco di gente e poi per cazzeggiare è il massimo!

Ecco svelato l’arcano!
Non pensare che non abbia idee in questo momento! Anzi, sappi che giusto adesso, credo di essere nel momento più di qualità della mia esistenza, ma proprio perchè l’ho capito lo proteggo… Alcune cose stanno chiuse in una fortezza! Sono solo mie e della mia famiglia!
Tutto qui!

 

Tetris

Che giornata caro blog!
Per fortuna che adesso… TETRIS!
Hai presente quando ti incastri con tuo marito che c’avete un lettone a disposizione, ma vi basta un terzo di esso (che è notoriamente la sua parte di letto!) ed è bellissimo perchè state caldi e comodi?
…Ecco questo è il nostro tetris ed è fantastico giocarci ogni notte!
Buona notte!

2012, in questo anno non saremo mai fidanzati! *__*

Ciao blog!

Sono risorta, penserai! …Beh, temporaneamente, almeno!

BUON ANNO BLOG!
Buon anno a te che ci sei sempre, lì, immobile a segnare i giorni since THE wedding, da me che ho sempre troppe idee e troppe cose da fare per spifferarti tutto quanto!

Ho pestato già due merde da quando, sai caro amico, c’è una grossa novità… l’anno vecchio è finito ormai, ma qui non c’è niente che non va! (ritocchino!)
E se è così che si comincia, devo dire che gli auspici sono buoni!

Ho riso come una matta a capodanno e… ‘chi ride a capodanno…’ IO MI SENTO IN UNA BOTTE DI FERRO! Tra risa&merda non temo la sera! :)

Oltre a quella, caro amico, di novità ce ne sono tante altre, ma ti posso mica dire tutto?! Naaah!
Una però te la sparo, così, tattà: da bucoc@sa a minic@sa!
Abbiamo lasciato il nostro amato monolocale perchè siamo sulla via per farlo diventare un castello… Siamo arrivati, tenetevi forte, a ben 50 mq!! Cavoli! Mica molliche di pane!! 😀

Minic@sa  è stepitosa! Ci somiglia un sacco! E’ colorata, calda e accogliente! (E’ Ikea, ovviamente!) Ci piace davvero tanto e siamo fieri di noi (che ogni tanto ci sta!), di tutto quello che siamo riusciti a fare… il trasloco a 4 mani, l’andirivieni da Ikea col pandino che pareva ci dicesse ‘vi prego, basta!’, le mie mani completamente screpolate, come quelle di un capocantiere, che imploravano pietà perchè non c’avevano più voglia di stare a mollo per ripulire tutto… E’ stata dura, è stata bella! …Perchè noi siamo cazzuti e non ci ferma nessuno! 😉

Buon anno caro blog, davvero! Buon anno a me e alla mia piccinissima famiglia (di appena 89 giorni!)… perchè vola solo chi osa farlo… e noi OSIAMO! 😀